Consigli Utili


Domande e Risposte

1Sono una donna di 56 anni e da qualche anno inizio a vedere e sentire, in particolare a fine giornata, una pallina venir fuori dai genitali; mi capita inoltre di dover andare frequentemente in bagno e qualche volta non riesco a raggiungerlo in tempo. Il mio medico mi ha prescritto un esame delle urine ed un’urinocoltura che sono risultati negativi. Che mi succede?
Cara Giulia, a quanto mi riferisce il problema non è grave. Verosimilmente lei è affetta da un prolasso degli organi pelvici e da una concomitante sindrome della vescica iperattiva. Le consiglio pertanto di effettuare una visita uroginecologica presso un Centro specializzato allo scopo di classificare il prolasso ed identificare il trattamento più appropriato. Nel suo caso potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per la correzione del prolasso ed eventualmente una terapia farmacologica per i sintomi urinari.
2Sono Filomena, ho 60 anni e dopo l’ultimo parto ho iniziato a perdere l’urina con i colpi di tosse; negli ultimi anni il problema è peggiorato e adesso vorrei risolverlo. Il mio ginecologo mi ha diagnosticato un prolasso vescicale di II grado e mi ha proposto un intervento chirurgico per correggerlo. Che devo fare? Io vorrei correggere l’incontinenza!
Cara Filomena, quello del suo ginecologo potrebbe essere un approccio corretto, in quanto la cura dell’incontinenza da sforzo deve prevedere il ripristino di una corretta anatomia. A tal fine, le potrebbe essere prospettato sia un approccio in due tempi, che preveda inizialmente la cura del prolasso e successivamente la correzione della IUS, sia un approccio combinato che, se da un lato offre la possibilità di trattare entrambe le condizioni con un unico intervento, dall’altro potrebbe associarsi ad un maggiore rischio di difficoltà minzionali post-operatorie.
3Sono Olga, ho 65 anni, sono stata operata di prolasso vescicale ed uterino circa 6 mesi fa. Da allora mi capita di perdere urina con i colpi di tosse mentre prima ciò non mi accadeva. Come mai? Sono avvilita, mi sento peggio di prima!
Cara Olga, comprendo il suo stato che probabilmente nasce da un non corretto counseling pre-operatorio. Le avrebbero dovuto, infatti, spiegare che l’intervento di riparazione del prolasso può slatentizzare una incontinenza urinaria da sforzo occulta. Pertanto le consiglio di rivolgersi ad un Centro specializzato per il migliore approccio diagnostico e terapeutico alla sua incontinenza.

Esponi la tua domanda privatamente tramite email. Ti risponderemo il prima possibile.